Museo "TESORO di S.PIETRO" in Vaticano 

In ogni casa vengono custoditi 'i ricordi' della famiglia: sono oggetti, talvolta semplici e talvolta preziosi, ai quali corrisponde il ricordo di una persona cara o un momento significativo della vita della famiglia. 
Penso che ogni famiglia abbia il proprio `piccolo museo di affetti', che è come un album fotografico che salva la memoria di coloro che ci hanno preceduto nel cammino della vita e, pertanto, fanno parte della nostra vita. La Basilica di SL'ingresso del Museoan Pietro non poteva non avere il proprio 'museo di affetti': cioè, la collezione di tanti ricordi, che, secolo dopo secolo, raccontano la meravigliosa storia del massimo Tempio della cristianità.

Tale 'Museo' ha una storia travagliata, burrascosa..., come la storia della Chiesa. Però, ecco il prodigio! Nonostante le ruberie e i saccheggi vari, il Museo rinasce continuamente e oggi si presenta come la più bella e preziosa collezione dei `ricordi' della Chiesa di Pietro. Tanti sono gli oggetti pregevoli esposti nel Museo, ma il vero valore di questi oggetti sta nell'amore verso l'Apostolo Pietro, che ha sentito in ogni epoca il bisogno di tradursi in doni, suppellettili e opere d'arte. Il Capitolo Vaticano è il custode premuroso di questa `religiosa ricchezza': e la tramanda fedelmente di secolo in secolo, affinché le nuove generazioni sentano la voce della storia e imparino ad amare l'Apostolo Pietro, perché Gesù l'ha amato e ha voluto dargli un ruolo fondamentale nella Sua Chiesa. Tutto, infatti, sul Colle Vaticano è nato attorno a Pietro: attorno alla sua testimonianza di fede, attorno al suo martirio, attorno alla sua tomba. E Pietro vive nei suoi successori, cioè nel Papa: a Lui va il nostro pensiero affettuoso, obbediente e benaugurante, mentre iniziamo il viaggio nella casa dei Suoi ricordi.


                                                                Angelo Card. Comastri
                                                           Arciprete della Papale Basilica Vaticana



The "TREASURY OF SAINT PETER's" in the Vatican

In every house, family "mementoes" are kept; they are objects, some simple, others precious, but all connected to the memory of a dear person or a significant moment in the life of a family. I believe that every family has its own "little museum of keepsakes", which is like a photo album that keeps a record of those who went before along the road of life and remain a part of us.

St. Peter's Basilica could not have remained without its own "museum of keepsakes", in this case, a collection of many objects, which century after century tell the marvellous story of the greatest Temple of Christianity.

That "Museum" has had a tormented, turbulent history... just like the history of the Church. But look at the results! Despite the robberies and various sackings, the Museum is constantly reborn and today represents the most stunning and precious collection of "memories" in St. Peter's. There are countless riches exhibited in the Museum, but their real worth lies in their symbolic demonstration of love for the Apostle Peter, which has translated every century into donations, furnishings and priceless works of art. The Vatican Chapter is the proud custodian of these "religious riches", passed down over the centuries so that every generation might hear of its history and learn to love the Apostle Peter, because Jesus loved him, and wanted to give him a fundamental role in His Church.Sarcofago di Sisto IV

Everything, in fact, on the Vatican Hill has been built around Peter; around his testimony of faith, around his martyrdom, around his tomb. And Peter lives on through his successors, that is, within the Pope: to Him we send our affectionate thoughts, obedient and well-wishing, while we begin our journey through the house of His memories.

                                                               Card. Angelo Comastri
                                                    Archpriest of the Papal Vatican Basilica

 

 
 
  Site Map